cappellina SantAnna2017

Lo storico quartiere dedicato ai santi Anna e Gioacchino ha da sabato 10 giugno un punto ove potersi fermare per un momento di preghiera e per chiedere un piccolo aiuto a chi è capace solo di amare. L’inaugurazione della cappelletta, svoltasi alla presenza delle autorità comunali e di un folto pubblico, è stata impreziosita dalle parole dell’arciprete don Gilio Masseroni, che ha invitato i trecatesi “e tutti coloro che passano da queste parti, a fermarsi da stasera in poi di fronte a questa bellissima cappelletta, realizzata con tanta cura e amore dal comitato e da numerosi volontari. Mi avete regalato una gioia e per me occasioni come queste sono importanti, perché denotano la forza e la vivacità di Trecate”. Al termine prima la Messa, concelebrata da don Gilio e don Fabrizio nel giardino delle magnolie a Villa Cicogna; di seguito un rinfresco sotto il tendone della Pro Loco. Quindi tutti a casa, passando di fronte a quel colorato e luminoso mosaico, dicendo a bassa voce “Arrivederci a domani!”.

GB

 

 

Messa SantAntonio2017

Messa raccolta e partecipata quella di martedì 13 giugno nel Quartiere di Sant’Antonio, nel giorno della memoria del Santo. A celebrare don Tommaso che ha invitato i presenti a tre azioni: sorridere del sorriso di Dio (come ha fatto il Santo di Padova), anche quando le circostanze ci buttano a terra; custodire la nostra fede e distribuirla nella nostra vita con cura, come il sale che per dare sapore non può rimanere nella saliera; illuminare i nostri giorni, senza abbagliare gli altri, ma portando luce dove c’è il buio. In altre parole ciò significa dare frutto a quel triplice dono che il Padre ci ha fatto. Al termine, dopo l’invito ad affidarsi a Sant’Antonio non solo quando si sono perse cose materiali, ma anche quando a sentirci persi siamo proprio noi stessi, la distribuzione del pane benedetto del perdono.

 

 

Mergozzo2017

“Rischiate! Mettetevi sulla strada e fate squadra!” Con questo invito il vescovo Franco Giulio Brambilla ha dato il via alla Route dei giovani dal titolo “Scegliere”: un’occasione di incontro proposta a noi giovani della Diocesi, che ci ha permesso di vivere sabato 3 giugno un momento di confronto e dialogo su alcuni importanti temi di vita. Suddivisi in gruppi per fasce d’età, sotto un sole a picco, abbiamo percorso il sentiero che da Mergozzo porta a Montorfano, facendo alcune tappe di riflessione inerenti all’ambito prescelto. Nel mio caso, il tema che ha fatto da filo conduttore è stato “Il senso della vita”: un’opportunità per confrontarsi sulla necessità di avere speranze per l’esistenza fondate sull’esperienza della fede. Giunti a Montorfano, un borgo ospitale dal sapore antico, il sole ha ceduto il posto ad una pioggia battente che purtroppo ha decretato in anticipo la fine della giornata. Sulla strada del ritorno, con lo sguardo rivolto al lago, alle sue increspature e alla sua calma, portavo nel cuore il desiderio di poter rispondere con il mio personale “Sì” alla chiamata all’Amore che il Signore rivolge ogni giorno a ciascuno di noi.

Isabella Biocotino

A Mergozzo ci siamo ritrovati tutti sabato scorso, dove ci siamo divisi nei vari gruppi e, dopo un percorso semplice ma ricco di spunti in cui ogni ‘squadra’ si è interrogata sul tema scelto, siamo arrivati a Montorfano. Durante il sentiero ci siamo fermati più volte per riflettere e per dire tutto ciò che ci veniva in mente e/o pensavamo riguardo l'argomento. La pioggia ci ha impedito di celebrare la Messa ma non ci ha tolto il sorriso e di certo non ci farà dimenticare questa stupenda avventura.

Matilde Giudice

 

1 - 4 settembre 2016: grande Torneo di Calcetto in Oratorio San Giuseppe.

Iscriversi è semplice: basta essere maggiorenni e chiamare il numero 392 0096215, disponibile anche per tutte le info. Il costo è di 10 euro a persona - Iscrizioni aperte fino al 15 luglio. Il campo da calcetto in erba sintetica è affittabile anche per le vostre partite, contattando sempre il numero sopra.

Mettete le scarpette, vi aspettiamo!

 

torneo omt settembre 2016

 

Se ti sei perso qualche attimo o vuoi rivivere i momenti più belli delle settimane di Grest visita la nostra pagina Facebook Oratorio San Giuseppe. Metti il tuo like e stai connesso con noi!

oratorio copertina fb

 

Grande attesa e speranza per gli Azzurri che tenteranno l’impresa di portarsi a casa il titolo di Campioni d’Europa. Per la propria squadra c'è chi si dipinge la faccia, chi esulta con le trombette e chi, di fronte ad un rigore sbagliato si dispera. 

E tu, come stai facendo il tifo?? 

Mandaci una tua foto mentre sostieni l'Italia e un motto per tifare agli Euro‘16. Saranno pubblicati sul Bollettino Trecatese del 30 giugno! Scrivici (entro le 16 di lunedì 27 giugno) all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

e-tu-come-tifi-azzurro

 

Sabato 11 giugno alle 15 siete pronti ad entrare nella pancia della balena?

invito inaugurazione polisportiva omt

 

Per affrontare i lavori relativi al progetto presentato sono stati stimati esborsi per complessivi 750.000 Euro. Ad oggi la Parrocchia non dispone di tutta la liquidità necessaria ad affrontare questa spesa. La copertura prevista sarà quindi cosi ripartita: Euro 350.000 disponibilità della Parrocchia di Trecate. Euro 150.000 accensione di Mutuo bancario (da parte della Parrocchia di Trecate). Per la restante parte (Euro 250.000) attraverso una operazione chiamata “Terzo Valore” che prevede la possibilità di ricevere prestiti dai cittadini

La Parrocchia deve quindi attingere a un prestito pari a 150mila Euro di Mutuo + 250mila Euro di prestito (Totale 400mila Euro). Per valutare la capacità della Parrocchia di affrontare questo impegno, è stato realizzato un “Piano di sostenibilità” che stima entrate di cassa che la Parrocchia dovrà generare per coprire le rate di rimborso del prestito. La sostenibilità finanziaria si fonda su alcuni presupposti: A) La possibilità di affittare ad esterni le strutture sportive (Campo da calcio e Palestra) nelle ore della giornata non impegnate dalle attività Oratoriane. Questo permetterà di generare parte del flusso di cassa necessario alla restituzione del Mutuo e del prestito. B) La ripartizione dei lavori in Lotti, con possibilità di frazionare il rischio finanziario (al temine del lotto 2 se non esistono piu le idonee condizioni finanziarie, si puo’ decidere di sospendere o rinviare la costruzione dell’ultimo lotto (cioè la Palestra) senza compromettere il lavoro fin lì svolto. C) La ricerca dell’efficienza nei costi di gestione (luce, riscaldamento, manutenzioni) attraverso l’utilizzo di tecnologia di ultima generazione. D) L’abbassamento dei costi finanziari attraverso la possibilità di chiedere parte del prestito attraverso una nuova formula che permette di attivare i cittadini come prestatori diretti insieme alla banca (come detto, la cosiddetta Operazione “Terzo Valore”). Questo permetterà di risparmiare sugli interessi passivi a carico della Parrocchia.

progetto-1

CHE COS’E’ TERZO VALORE - È un prestito che un privato cittadino può erogare alla Parrocchia (da un minimo di € 500 a un massimo di € 10.000).L’operazione è gestita da una Banca (Banca Prossima – Gruppo Intesa Sanpaolo) che si occupa di tutti gli aspetti (dalla raccolta dei prestiti alla loro restituzione nel conto corrente dei cittadini alle date stabilite, agli adempimenti fiscali). La Banca è sempre garante del rimborso del prestito. Questo vuol dire che il privato sottoscrittore non corre mai il rischio della mancata restituzione del proprio prestito (perché questo rischio è totalmente a carico della Banca).

In pratica il cittadino rinuncia alla disponibilità dei propri risparmi per un periodo di tempo e questi gli verranno restituiti comprensivi degli interessi come se avesse un deposito vincolato in banca .Il prestito (da parte dei privati cittadini) verrà restituito in 10 anni con rate semestrali comprensive di capitale + interessi . Ogni sottoscrittore potrà decidere quale tasso di interesse far pagare alla Parrocchia (minimo 0%; tasso massimo 1% annuo).In caso di necessità sarà possibile richiedere il rimborso anticipato del prestito quando siano decorsi almeno 18 mesi dalla data di stipulazione.

progetto-5

Naturalmente perché l’operazione “TERZO VALORE” possa avere successo, è indispensabile il contributo di quanti, come noi, credono in questo progetto e sono disposti quindi a prestare una somma alla parrocchia ad un tasso di interesse contenuto. A partire da oggi e per tutto il mese di giugno effettueremo una indagine preliminare per verificare il gradimento dell’iniziativa tra la cittadinanza e la eventuale disponibilità ad aderire. A questo scopo verrà distribuito un volantino, che troverete anche inserito nel bollettino, che vi chiederemo di compilare con la vostra disponibilità a partecipare attivamente erogando un prestito alla parrocchia.

Qui è possibile scaricare volantino in formato PDF

 

Partendo da un'analisi del territorio trecatese, notiamo una frammentazione delle proposte di aggregazione rivolte ai più giovani, ossia ognuno tende a proporre le proprie iniziative rivolgendosi unicamente alla propria sfera di interessi e competenze di attività.
L'Oratorio San Giuseppe della Parrocchia di Trecate, inserito in questo contesto cittadino, vorrebbe proporsi come valida alternativa a questa frammentazione.
Il criterio con cui stiamo ripensando le proposte educative e formative dell'Oratorio vuole "tenere al centro la persona", non divisa in attività separate le une dalle altre (talvolta a rischio di concorrenza reciproca); al contrario, "una persona che fa dialogare tutte le realtà" presenti in Oratorio.

progetto-6s

Attualmente l'Oratorio raggiunge i bambini e i ragazzi con attività di catechesi, di gruppo, oltre che con proposte associative (il Gruppo AGESCI Scout, il Coro Voci Bianche "Don Gambino") e tre realtà sportive (l' "OMT Basket", l' "OMT Calcio", il "Tennis Tavolo ANSPI Nebbiolo").
Ognuna di queste attività ha la sua storia, e negli anni ha avuto sviluppi autonomi, pur tenendo sempre come riferimento l'Oratorio e i suoi intenti.
Vorremmo ora far convergere espressamente tutti gli intenti delle varie realtà oratoriali in un unico Progetto Educativo, capace di incrementare anche le possibilità di interazione con le famiglie dei ragazzi stessi.
Inoltre, in ambito sportivo, stiamo lavorando per riunire i vari soggetti ("OMT Basket", "OMT Calcio", "Tennis Tavolo ANSPI Nebbiolo") in un'unica realtà associativa polisportiva, sia in termini di strutturazione che di contenuti educativi, grazie all'aiuto dell'Ufficio Diocesano per la pastorale dello Sport e del tempo libero.

progetto-7s

La costruzione delle strutture sportive e polivalenti in oggetto rientra negli intenti di questo progetto educativo, oltre che a rivalutare parte del territorio dell'Oratorio, ad oggi lasciato in stato di abbandono, in attesa di completamento e ristrutturazione, e funzionale anche alla sicurezza interna dell'Oratorio stesso.
Vorremmo queste strutture a servizio dell'intera comunità: dunque non si tratta esclusivamente di impianti sportivi, ma di ambienti polivalenti funzionali al progetto educativo oratoriano.
Questo progetto ci sembra che risponda anche agli stimoli suscitati dall'attuale Sinodo Diocesano, in merito alle attenzioni rivolte ai giovani, alle famiglie, con una rinnovata prospettiva di dialogo anche con il territorio.
Queste, in sintesi, sono le motivazioni pastorali che ci animano nel voler edificare queste strutture, a servizio di questi intenti educativi.

don Mauro

 

progetto-2

Presentato sabato 30 maggio alla presenza di don Franco Finocchio, responsabile della pastorale dello Sport diocesana, con la testimonianza di Daniele Buzzegoli e Carlalberto Ludi del Novara Calcio. Di seguito un approfondimento sulle motivazioni pastorali di carattere educativo e sulla sostenibilità economica di questo ingente progetto.

progetto-3
progetto-4

 

campo-amsa-2014

In vista del nostro prossimo campo in Bosnia Erzegovina, abbiamo pensato ad una offerta di torte per il 13 e 14 giugno presso la chiesa parrocchiale per raccogliere fondi. Vi chiediamo un aiuto: chi volesse può prepararci un dolce e portarlo sabato 13 in casa parrocchiale (con foglietto degli ingredienti), gli orari sono al mattino dalle 9 alle 11,30 ed al pomeriggio dalle 16.00 fino a poco prima dell'inizio della Messa delle 18.

Grazie mille,
Don tommaso e i ragazzi del campo amsa in Bosnia

amsa

pastorale-giovanile

 

 

iscrizione-cresima-2015-2016

 

Cresima

ISCRIZIONE

Anno Catechistico 2015-2016

( click sull'immagine per scaricare lettera e modulo in PDF )

iscrizione-cresima-2015-2016-sm

 

 

iscrizione-inizio-2015-2016

 

  Prima Comunione

ISCRIZIONE

Anno Catechistico 2015-2016

( click sull'immagine per scaricare lettera e modulo in PDF )

iscrizione-inizio-2015-2016-sm

 

 

raccolta-tappi

Effettuato il 5 maggio scorso il 12° "big bag" a cura dell'Emmplast di Casteggio (Pv): il carico di tappi in plastica (3.200 kg) ha fruttato 500 euro, inviati come da prassi consolidata al Novara Center Onlus per la realizzazione di progetti relativi alla fornitura di acqua potabile alle scuole cattoliche del Kenya.

Esprimiamo gratitudine a quanti si sono prodigati per la raccolta dei tappi. Un grazie va chi fornisce assistenza logistica, consentendo di portare avanti l'attività benefica, quali la Pro Loco di Trecate, che mette a disposizione l'area coperta da adibire a deposito, e la ditta Braga, sempre disponibile a dare una mano con il suo muletto in occasione delle operazioni di carico.

Ricordiamo che vanno conferiti solo i tappi di plastica e quindi sono da escludere quelli in sughero o in metallo. L'attività non si ferma, I tappi verranno raccolti anche durante l'estate presso i soliti punti di raccolta, ad eccezione delle scuole elementari, chiuse per le vacanze estive.

Buona strada a tutti dal MASCI di Trecate.

 

 

 NovaraCenetr

Domenica scorsa durante le messe un volontario della fondazione Novara Center Onlus ha parlato dell'attività di questo pluridecennale ente, impegnato in iniziative di solidarietà internazionale. Le sue parole mi hanno riportato alla Trecate di cinquant'anni fa, quando un gruppo di giovani di allora, tra i quali anche chi scrive, aveva abbracciato un progetto, proposto da un giovane sacerdote, don Ercole Scolari, incaricato da mons. Placido Maria Cambiaghi, vescovo di Novara, di seguire la formazione dei giovani studenti delle scuole superiori.

Erano gli anni della Gioventù Studentesca, guidata a Milano da don Giussani, ed era il periodo del Concilio Vaticano II. A Trecate, come In altre realtà della diocesi, si viveva un clima particolarmente fecondo e proprio per questo venne accolta la proposta portata avanti da don Ercole Scolari, proposta, che aveva due obiettivi fondamentali: il primo, formare i giovani in modo da essere protagonisti nella società, nella quale erano chiamati a vivere; il secondo, impegnarli in un progetto concreto, in un'opera da realizzare lontano, magari nel continente asiatico, per metterli nella condizione di veder concretamente attuata la solidarietà. Ricordiamo in sintesi il sacerdote e l'impegno dei giovani trecatesi dell'epoca.

Don Ercole Scolari

Mi piace rievocare oggi questo sacerdote che molti miei amici sicuramente ricordano ancora per il suo lavoro nella pastorale giovanile. Di lui si possono evidenziare due caratteristiche: innanzi tutto la sua preparazione culturale; mi ha sempre colpito la sua profonda conoscenza dei testi filosofici, ma, in modo particolare, la sua conoscenza dei documenti dei magistero della Chiesa. Parlava con convinzione, ma soprattutto parlava dopo aver studiato e fatto parecchie riflessioni, collegate alla sua convinta fede. Ricordo che come docente di religione al liceo classico Carlo Alberto di Novara tendeva trasformare le sue lezioni in dibattiti e confronti perché credeva nel ruolo di protagonista dei suoi allievi. In secondo luogo la sua concretezza: ritenendo che ai giovani fosse necessario offrire un obiettivo concreto per il quale impegnarsi, tendeva a coinvolgere i giovani non solo in erudite riflessioni teoriche, per alcuni versi quindi astratte e lontane dalla realtà, ma cercava di proporre dei progetti missionari da attuare. Il "Novara Center" fu il punto di partenza che poi negli anni diventerà un sempre più articolato ed ampio lavoro per i giovani e non solo per i giovani.

I giovani di Trecate ed il Novara Center

Quando don Ercole Scolari lanciò la sua idea trovò un'adesione molto forte anche a Trecate: in poche settimane i giovani dell'oratorio aderirono alla sua proposta. Subito collaborarono alla raccolta dei medicinali, messi a disposizione dai medici locali, raccolsero derrate alimentari, utilizzando una vecchia "Appia" messa a disposizione dall'ing. Panigati, animarono le funzioni religiose per la raccolta di fondi, tennero serate all'auditorium di via Battisti per presentare l'iniziativa di don Scolari, che sempre incoraggiava i suoi giovani, ma li lasciava poi principali attori sulla scena. I giovani di Trecate, che avevano scoperto con questo impegno nuovi orizzonti di solidarietà parteciparono anche ad un incontro destinato ad entrare nella storia del "Novara Center". Don Ercole Scolari riuscì infatti una domenica mattina a riempire di gioventù festante il teatro Coccia di Novara per presentare loro un personaggio conosciuto in tutto il mondo per il suo impegno cristiano e missionario, Raul Folierau. Fu una giornata memorabile, che, ed oggi lo si può ben dire, rappresentò l'alba grandiosa di un giorno, che ancora non è tramontato.

 

 

biscotti-carita2
biscotti-carita3

biscotti-carita4

Le giornate di sabato 6 e domenica 7 giugno hanno visto noi animatori Caritas prima impegnati a raccogliere e ricevere i biscotti prodotti con tanta cura dalle mamme, nonne e zie della nostra comunità e successivamente ad allestire i tavoli per offrire alle messe quanto era stato donato.

il nuovo sito è in preparazione
stiamo attivando le varie sezioni del sito in accordo con la disponibilità dei contenuti aggiornati

 

Insieme è forte...

Un cammino in preparazione al matrimonio per scoprire la bellezza di essere in-sieme, in-Dio.

                  

Il rinnovato percorso di preparazione al matrimonio che la comunità parrocchiale mette a disposizione di tutti i fidanzati orientati al matrimonio cristiano, parte dall’esigenza indicata dal “direttorio di pastorale familiare” di dare ai fidanzati gli strumenti per “conoscere e vivere il mistero cristiano del matrimonio”.

Il percorso non è costituito da incontri a se stanti, ma parte e si sviluppa con una logica di scoperta della vocazione matrimoniale cristiana progressiva in cui il contributo di ciascuno sarà importante sia come singolo che come coppia. Si vivranno momenti di coppia e di gruppo, momenti di dialogo e di ascolto, momenti di preghiera e di festa proprio come la coppia viene chiamata a vivere ogni giorno nella nuova relazione coniugale e familiare.

Si cercherà di scoprire insieme quali strumenti ci potranno aiutare nel nostro cammino e come la parola di Dio può essere sostegno per costruire la nostra casa “sulla roccia”.

La presenza continuativa di coppia ai momenti proposti è quindi importante per poter crescere insieme.