NUOVI PROGETTI PER UNA CARITÀ ATTIVA
Anche per l’anno 2016/17 la Caritas intende proseguire e incrementare le proprie attività di autofinanziamento e di aiuto concreto a chi vi si rivolge. Fondamentale è l’aiuto attraverso la promozione umana e l’avvio alla formazione professionale, oltre all’assistenza diretta con la fornitura di alimenti, vestiario o altro.

“DONA UN GIOCO PER ACCENDERE UN SORRISO”
Anche quest’anno sarà possibile dare una mano ai bambini meno fortunati, regalando loro un sorriso, in modo particolare a Natale. Aderire è semplice: basta portare un giocattolo nuovo o usato (benché conservato in buono stato) per bimbi da 1 a 12 anni, presso le ceste di raccolta situate al bar dell’Oratorio san Giuseppe o in chiesa parrocchiale, possibilmente entro le prime settimane di dicembre. Seguiranno maggiori informazioni sul giorno e sulla modalità di distribuzione. Grazie sin da ora a chi vorrà aderire.

RISPARMIO ENERGETICO
Ha preso avvio il progetto relativo alla sensibilizzazione sul risparmio energetico della Caritas di Trecate, che si propone di aiutare 50 nuclei famigliari, scelti tra coloro che negli ultimi anni hanno richiesto un’integrazione al pagamento di bollette di luce o gas. Le abitazioni non adeguate, l’uso non corretto del riscaldamento e l’assenza di preparazione rispetto ai costi ed al consumo, ci hanno suggerito questo tipo di intervento, con l’obiettivo di informare e responsabilizzare al risparmio un gruppo di persone di diverse etnie e condizioni sociali. Gli step immediati sono stati: il contatto individuale, la fornitura di un kit semplice ma utile (che comprende alcune lampadine a LED, dei paraspifferi e alcune pellicole trasparenti isolanti da applicare ai vetri esterni della abitazioni) e due conferenze per spiegare l’utilizzo delle strumentazioni date, che si sono tenute presso la casa parrocchiale venerdì 24 e lunedì 27 febbraio. Il progetto, approvato e parzialmente sostenuto dal finanziamento “8x1000 della Diocesi di Novara”, ha raggiunto in questa fase diversi e importanti obiettivi: la numerosa partecipazione, l’interesse dimostrato, l’apertura al dialogo, la disponibilità a conoscere e a conoscersi. Forse il risparmio in un settore difficile e costoso come il riscaldamento e l’uso di energia elettrica non sarà così facile da realizzare, ma l’apertura al dialogo e la collaborazione nell’affrontare le difficoltà saranno un risultato importante per chi dà e per chi riceve tale aiuto. Un ringraziamento particolare va al dottor Carlo Perone per il supporto tecnico e a Clemente Guaglio per il materiale fornitoci.

CUCITO E STIRERIA
Rivolto a chi è in difficoltà economiche e lavorative, continua quanto cominciato lo scorso anno con l’esperienza di Stireria e piccola Sartoria, realizzata presso l’Oratorio Femminile.

Quali obiettivi? In primo luogo vorremmo presentare alla Caritas Diocesana un progetto più articolato e complesso che vede impegnate le persone aderenti in un processo di apprendimento delle tecniche e delle pratiche di lavoro, sperimentando anche il rapporto con clienti interni ed esterni alla Comunità parrocchiale. Una vera scuola di vita e un laboratorio di lavoro, dove ciascuno potrà assumersi le proprie responsabilità. Tale corso prevede 120 ore complessive (frequenza obbligatoria di 3 ore dal lunedì al venerdì). I docenti impegnati sono esperti della materia specifica, anche grazie all’esperienza di insegnamento maturata negli anni. Cos’è al centro del lavoro? Innanzitutto l’acquisizione di elementi di base per incontrare un pubblico ‘vero’: la conoscenza dell’Italiano, per la comunicazione interpersonale, della Matematica e delle materie specifiche di cucito, predisposizione di modelli, uso delle attrezzature e delle macchine elettriche. Altro elemento è la maturazione di un comportamento professionale legato all’apertura del laboratorio.

Gli animatori Caritas